Giornata mondiale di mobilitazione studentesca

Il 17 Novembre è la Giornata Mondiale di Mobilitazione Studentesca lanciata durante il World Social Forum di Mumbay nel 2004. Il 17 Novembre del 1939 gli occupanti nazisti uccisero 9 studenti all’Università di Praga e i loro insegnanti. Il 17 Novembre del 1973 un carro armato abbatté il politecnico di Atene per reprimere la rivolta studentesca contro la dittatura militare. Il 17 Novembre 1989 in Cecoslovacchia la commemorazione del ’39 divenne l’inizio della rivolta contro il regime. Oggi ci ritroviamo di fronte ad una crisi globale che è finanziaria, ma anche politica e valoriale. Ci troviamo di fronte alla sistematica riduzione dei diritti, a partire dai diritti delle categorie considerate dai poteri forti “sacrificabili”. Il Diritto allo Studio ha subito negli ultimi anni tagli e riduzioni in Italia come nel resto d’Europa, limitando di fatto la libertà d’accesso alla conoscenza, alla cultura, al sapere che unico può garantire la vera libertà di pensiero, di azione, di critica dell’individuo all’interno della società globale. Per questo per noi il 17 Novembre rappresenta il risveglio, la presa di posizione nei confronti delle politiche sul futuro da parte di chi ha di fatto la proprietà sul futuro: gli studenti, i giovani. La Terna Sinistrorsa aderisce alla Giornata Mondiale di Mobilitazione Studentesca, perché il nostro futuro è ora.