Fai parte del cambiamento!

Hai trovato un nostro volantino in aula? Vuoi saperne di più?
Ci trovi il 12, 13, 17 e 18 dicembre dalle 13.30 alle 14.00 in Patio Architettura, Leo – Atrio Grande capannone, La Masa – Atrio edificio N (Design), Durando

Oppure contattaci: contattiFacebook

 

Tutte le frasi

  1. Il difensore degli studenti è il fratello minore di Batman?
    No, è un docente nominato dal Rettore su proposta dei rappresentanti, che si occupa del rispetto dei diritti degli studenti.
  2. La democrazia non è uno sport da spettatori. Se tutti stanno a guardare e nessuno partecipa, non funziona più. Michael Moore
    C’è bisogno del tuo contributo per migliorare il Politecnico, impegnati in prima persona nella rappresentanza studentesca.
  3. Hai mai partecipato ad un’attività culturale organizzata da studenti? Hai mai pensato di organizzarne una?
    L’Ateneo finanzia progetti culturali e sportivi: se immagini un campus universitario diverso proponi un progetto che arricchisca la vita degli studenti in università.
  4. La Carta degli studenti è una tessera speciale per avere sconti dal kebabbaro?
    No! Nell’ultimo anno l’abbiamo ulteriormente migliorata, per sancire i diritti degli studenti in modo più netto e renderla più applicabile ai problemi concreti che riscontriamo ogni giorno.
  5. Che fine fanno i questionari di valutazione della didattica che compiliamo alla fine dei corsi?
    Nelle commissioni paritetiche di ogni Scuola servono studenti che, insieme ai docenti, aiutino a comprendere le criticità che emergono dai risultati dei questionari per capire come intervenire.
  6. Nessuno ha mai commesso un errore più grande di colui che non ha fatto niente perché poteva fare troppo poco. Edmund Burke
    C’è bisogno del tuo contributo per migliorare il Politecnico, impegnati in prima persona nella rappresentanza studentesca.
  7. Sai chi decide la struttura degli insegnamenti nei piani di studio, le modalità di accesso alla magistrale e come calcolare il punteggio di laurea?
    Nei Consigli di Corso di Studi ci sono rappresentanti degli studenti, che portano il tuo punto di vista sull’organizzazione della didattica che si svolge ogni giorno in aula.
  8. Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle. Denis Waitley
    C’è bisogno del tuo contributo per migliorare il Politecnico, impegnati in prima persona nella rappresentanza studentesca.
  9. Come si fa a rappresentare la volontà di molti studenti che non conosci?
    I rappresentanti degli studenti sono supportati dal Nucleo di Valutazione d’Ateneo, che fornisce dati che aiutano ad avere una visione più ampia dei problemi, ma questo non deve sostituire la partecipazione attiva e il confronto.
  10. Sai che dal 2014 tutti gli insegnamenti della Laurea Magistrale saranno in inglese?
    Anche noi studenti possiamo elaborare proposte concrete, per sfruttare tutte le potenzialità e ridurre le problematiche connesse a questa scelta importante.
  11. “La rappresentanza studentesca non serve a nulla”… Ne sei proprio sicuro?
    Fa da tramite con i docenti, facendo sentire la voce degli studenti e tutelandone i diritti. Non limitarti a subire gli effetti delle decisioni altrui, attivati in prima persona!
  12. La rappresentanza è l’unico canale che permette di occuparsi attivamente della propria università e del proprio corso di studi. Se ti sembra di non sentirne abbastanza la voce fai pressione, condividi le tue idee e partecipa alla stesura delle proposte per le elezioni primaverili!
  13. Sai che la rappresentanza studentesca ha voce in capitolo nell’organizzazione della didattica, nella gestione degli spazi dell’università e nella definizione delle tasse universitarie? Fatti avanti, anche tu puoi incidere sulle scelte che riguardano tutti noi.
  14. Chi decide cosa, in un’università di 40.000 persone?
    Che cosa fanno i Terni a riunione ogni mercoledì pomeriggio alle 18.00?
    Hai fatto il rappresentante alle superiori e vuoi continuare a impegnarti?
  15. Sapevi che tutte le decisioni nel nostro ateneo vengono prese collegialmente e il voto dei rappresentanti degli organi centrali vale quanto quello del rettore, di un preside o di un direttore di dipartimento?
  16. Sai che solo il 20% degli studenti vota alle elezioni universitarie? Pensi che momenti di dibattito tra gli studenti non servano a nulla? Più alta è la partecipazione più forza avranno le nostre richieste.