Due giovani intellettuali: Giovanni Mattei e Giorgio Labò