Elezioni 2013

SERVIZI

1. SPAZI STUDIO

Negli ultimi due anni abbiamo contribuito al censimento delle aule studio presenti nel Politecnico, da cui è emersa una lampante carenza di spazi in rapporto alle esigenze degli studenti.
Insisteremo affinchè gli interventi strutturali e di riorganizzazione degli spazi che l’Ateno ha in programma per i prossimi mesi, portino a un aumento significativo del numero di postazioni per lo studio individuale e di gruppo e alla sperimentazione di alcuni spazi aperti 24/7.
Richiederemo, inoltre, l’ampliamento degli orari di apertura di tutte le biblioteche dell’Ateneo e
lo sviluppo di un’applicazione per smartphone che consenta agli studenti di conoscere in tempo reale quali siano le aule libere dove poter studiare.

 

2. MENSA

Il servizio di ristorazione interno all’Ateneo ha aumentato i propri prezzi senza aumentare il proprio standard qualitativo. Verificheremo la possibilità di abbassare i prezzi per adeguarli alle tariffe vigenti in diverse università europee: il nostro obiettivo è un menù completo a 5.50€, in modo tale che gli aventi diritto possano sfruttare a pieno la propria borsa di studio.
Proporremo di realizzare nuove mense nei campus che ne sono ancora sprovvisti (Bovisa Durando e alcuni poli territoriali) e pretenderemo che in tutte le mense vengano installati degli erogatori di acqua sia naturale che frizzante.

 

3. poliprint

Proporremo di estendere in tutti i Poliprint il servizio di vendita di materiali di cartoleria per disegno tecnico e modelli (già in vigore a Bovisa Durando) e il servizio di stampa in remoto (già sviluppato a Leonardo dislocando per il campus diverse postazioni di stampa), così da far risparmiare tempo e denaro agli studenti. Valuteremo inoltre la possibilità di attivare convenzioni con copisterie e cartolerie limitrofe all’università.

 

didattica

1. Riforma delle scuola

Ultimamente il Politecnico di Milano sta vivendo un’ intensa fase di riassetto organizzativo, riguardante sia i Dipartimenti che le Scuole. Queste ultime, occupandosi di tutti gli aspetti riguardanti la didattica, influiscono particolarmente sulla vita universitaria quotidiana: affinchè l’operazione si svolga nel migliore dei modi, tenendo conto tutti i punti di vista e le esigenze in gioco, riteniamo indispensabile un coinvolgimento degli studenti nel processo decisionale. Ci batteremo per portare a compimento l’unificazione delle Scuole di Ingegneria iniziato a Gennaio, spingendo per l’aggregazione di Ingegneria Civile e Ambientale alla neonata Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione. Siamo favorevoli, inoltre, ad intraprendere un processo di riunificazione tra Architettura Civile e Architettura e Società, garantendo tuttavia il mantenimento delle differenze culturali esistenti tra esse.

 

2. magistrali inglese&internazionalizzazione

Come chiesto fin dalle prime discussioni, in un documento presentato in Senato accademico, le lauree magistrali in inglese sono per noi una sfida con molti aspetti positivi, ma di non facile attuazione, se non con una continua attenzione alla qualità della didattica: lavoreremo affinché il processo di internazionalizzazione non si concretizzi in un banale cambiamento della lingua di insegnamento bensì rappresenti un’occasione di riflessione e innovazione della didattica e una vera e propria apertura del Politecnico al multiculturalismo, favorendo scambi sia di docenti che di studenti e intensificando i rapporti con istituti, aziende e università straniere (progetti congiunti, workshop, stages, assessment sessions). Infine, affinché ciascuno studente possa verificare la propria capacità di seguire un intero corso di laurea magistrale in inglese, proporremo l’introduzione di corsi opzionali in inglese anche durante la triennale.

 

3. innovazione, progettualità e interdisciplinarietà

Chiederemo di incentivare le innovazioni nella metodologia di erogazione della didattica e le sperimentazioni di nuove tipologie di insegnamento e di esercitazione: vogliamo che gli studenti siano più autonomi che automi e che ad un insegnamento prevalentemente teorico-nozionistico venga affiancata una componente pratica, ampliando l’offerta formativa relativa a laboratori, progetti, workshops, corsi di start-up e di business planning.

 

4. beep:lezioni registrate

Grazie al lavoro della rappresentanza studentesca si è collaborato alla realizzazione una nuova piattaforma informatica, BeeP, sulla quale i docenti possono caricare i contenuti del corso senza dispersioni tra siti dipartimenali e personali. Per noi non è ancora abbastanza: chiederemo l’accesso libero ai contenuti da parte di tutti gli studenti, e non solo agli iscritti ai corsi e supporteremo lo sviluppo della piattaforma tramite apps e icone. Stiamo inoltre già lavorando sulla possibilità di registrare alcuni corsi, cosicché possano essere usufruiti anche da chi, per diversi motivi, si trovi impossibilitato a frequentare.

 

5. appelli

Siamo convinti che lo studente debba poter organizzare liberamente il proprio studio: per questo motivo spingeremo affinché si abbiano due appelli per sessione d’esame, per un totale di sei appelli effettivi nell’arco dell’anno. Chiederemo inoltre l’abolizione delle precedenze e di altri vincoli sterili come il salto d’appello e la riprovazione.

 

6. 3+2=5

A quasi 15 anni dalla sua prima introduzione, è giunto il momento di fare un’analisi seria e approfondita a tutti i livelli sui risultati, diretti e indiretti, del sistema 3+2. Chiederemo di studiare i dati per capire se e come questo sistema abbia influito sull’ingresso nel mondo del lavoro e, sopratutto, sulla durata degli studi, e se emergeranno delle storture chiederemo che vengano elaborate, insieme agli studenti, delle proposte correttive.

 

mobilità

L’internazionalizzazione del Politecnico non può prescindere da una intensificazione dei programmi di scambio all’estero: chiederemo di uniformare il metodo di selezione nelle diverse scuole, basandolo maggiormente sulla media e i crediti acquisiti. Per una maggiore trasparenza, su nostra richiesta, già a partire dal prossimo bando verrà pubblicata la formula sulla base della quale vengono stilate le graduatorie di ingegneria. Chiederemo inoltre di tenere costantemente aggiornata la banca dati, presente su Servizi Online, degli esami convalidati agli studenti già tornati. Proporremo di ridiscutere i criteri di equivalenza degli esami per garantire una maggiore elasticità nell’accettetazione dei piani di studio e pretenderemo che questi vengano sempre approvati prima della partenza.

 

campus sostenibile

La collaborazione tra Terna e il progetto Campus Sostenibile, iniziata in esclusiva lo scorso dicembre, si sta consolidando di giorno in giorno, portando l’opinione degli studenti all’interno dei tavoli Energy, People, Sustainabilty, Accessibilty e City. Stiamo lavorando all’estensione del progetto anche al campus Bovisa (per il quale abbiamo indetto un concorso di idee per la riqualificazione del campus Durando, incentrato sulla pedonalizzazione di via Andreoli) e al progetto di riqualificazione di Piazza Leonardo. Il nostro impegno, tuttavia, non si esaurisce qui: promuoveremo campagne di sensibilizzazione sul riciclaggio, il riuso e la sostenibilità e in questo senso saremo in prima linea per mettere fine a qualsiasi spreco di risorse.

 

rappresentanza & trasparenza

Vogliamo accorciare le distanze tra gli organi di rappresentanza e gli studenti, in modo da creare una maggiore consapevolezza sia del lavoro che viene svolto quotidianamente dai rappresentanti, che delle modalità con cui tutti gli studenti possono contribuire, in maniera più o meno significativa, al miglioramento della qualità della vita universitaria: ci impegneremo a diffondere capillarmente le decisioni che vengono prese nei vari organi, organizzando almeno una assemblea a semestre nelle Scuole, per informare gli studenti, dialogare insieme su eventuali problematiche riscontrate e raccogliere proposte di miglioramento. Per allargare la partecipazione al voto e alla vita politica universitaria proporremo che alle prossime elezioni sia possibile votare online e che le riunioni di qualsiasi organo possano essere seguite da uditori esterni che ne facciano richiesta.

 

questionario della didattica

A partire dall’anno prossimo verrà sperimenta una versione online del questionario per valutare la didattica erogata dal Politecnico di Milano: richiederemo un’analisi dettagliata per verificare l’attendibilità dei dati ottenuti, in modo da utilizzarli per stimolare un progressivo aumento nella qualità della didattica. Lavoreremo inoltre per velocizzare l’elaborazione dei dati, così da avere una valutazione dei docenti e delle strutture costantemente aggiornata.

 

OLTRE IL CAMPUS

La vita dello studente universitario non si ferma alla quotidianità all’interno del Politecnico. Nell’ultimo anno abbiamo partecipato alle sedute della Consulta Comunale degli Studenti di Milano, dove abbiamo portato le proposte elaborate insieme al Coordinamento degli Studenti di Universitari (CSU), che raggruppa le liste di sinistra presenti nelle università milanesi. Il nostro sogno è avere una Milano più vivibile e a misura di studente: servizi BikeMi vicini ai campus, convenzioni con musei, teatri, cinema e molto altro ancora.
Se Milano è importante, Roma non è da meno. La Terna Sinistrorsa si è sempre prodigata in tema di diritto allo studio e, negli ultimi anni, ha contribuito in maniera determinante a garantire l’assegnazione della borsa di studio a tutti gli idonei del nostro Ateneo, per un’attuazione sempre più concreta dell’articolo 34 della Costituzione Italiana: “La scuola è aperta a tutti. [..] I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.”
Anche, ma non solo, per continuare questo impegno, La Terna Sinistrorsa sostiene la candidatura di David Rossi al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari (CNSU). Per maggiori info sul programma e il funzionamento di quest’importante organo di rappresentanza: http://2013.ternasinistrorsa.it -> CNSU