Resoconto ccs 29 gennaio 2014

RIFORMA DELLA DIDATTICA

Nella seduta del 29 Gennaio il Consiglio di Corsi di Studio ha approvato la modifica al regolamento didattico per l’a.a. 2014-2015.

Per il nostro corso si tratta di una svolta importante e noi  vogliamo presentarvi la nuova offerta formativa che è così schematizzabile:

I° anno

Analisi Matematica e Geometria [Primo semestre]   12 cfu

Fisica sperimentale [annuale]                                   14  cfu

Chimica per civili  [primo semestre]                                          6 cfu

Informatica per civili [primo semestre]                                      8 cfu

Analisi Matematica Due [secondo semestre]                             8 cfu

Rilevamento Geologico  [secondo semestre]                             6 cfu

Materiali da Costruzioni [secondo                                              6 cfu

                                                                                         TOT 60 CFU

 

Nella seduta di CCS abbiamo approvato gli insegnamenti del primo anno del corso di Ingegneria Civile. Sostanzialmente vi è l’accorpamento dei corsi Analisi Matematica e Geometria e l’erogazione del corso di Fisica Sperimentale con una durata annuale anziché semestrale.

Abbiamo convenuto con i professori che l’insegnamento  strutturato in tal modo potrebbe portare alcuni benefici nella carriera universitaria di noi studenti e soprattutto di quelli futuri: in primis questa soluzione permette di scorporare i due corsi distinti di Fisica Tecnica e Fisica Termodinamica e acustica (storicamente è un corso che causava problemi di verbalizzazione in quanto, se si sosteneva uno dei due esami e non l’altro durante i 7 appelli disponibili, l’esame superato andava rifatto l’anno successivo) alleggerendo il II° anno accademico che risulta il più ostico agli studenti di ingegneria civile.

Vogliamo inoltre venire incontro agli studenti beneficiari di borsa di studio, i quali potranno dare una delle due parti distintamente vedendosi verbalizzati i CFU relativi utili per la graduatoria dei benefici.

Altra motivazione che giustifica il cambiamento è l’approccio didattico alla materia, come sottolineato dai professori: così come verrà erogato il corso garantisce una continuità del metodo di studio per l’apprendimento della fisica sperimentale.

Il corso di Fisica partirà dal secondo emisemestre del primo semestre dopo aver avuto modo di acquisire le basi di calcolo differenziale necessarie per lo studio della cinematica e della dinamica del punto materiale.

Noi in qualità di rappresentanti degli studenti ci facciamo carico di monitorare che il cambio avvenga in maniera da non incidere negativamente sulla vita dello studente che decide di intraprendere il corso di studi in questione; nei prossimi mesi cercheremo il dialogo con i professori interessati, in modo da fornire tutti gli strumenti necessari affinché la scelta si riveli risolutiva e non peggiorativa. Già dalla seduta di consiglio, confrontandoci con i professori delle discipline fisiche, abbiamo pensato di introdurre più prove in itinere durante il corso annuale, per evitare un sovraccarico didattico durante gli appelli di luglio.

Grazie a questo piano di studi l’insegnamento “FONDAMENTI DI ECONOMIA + ESTIMO CIVILE” viene spostato al III° anno in modo da consentire allo studente di ampliare le conoscenze tecniche nel campo delle costruzioni edili. La pratica dell’estimo civile, quindi la capacità di stimare i costi ed i benefici delle scelte di un progettista, è materia molto delicata per la quale è giusto ed indispensabile avere solide conoscenze dei componenti che formano un’opera civile. Al terzo anno si sono già affrontate materie tecniche,, che permetteranno allo studente di affrontare in maniera più consapevole la pratica estimativa.