3 dicembre 2019, ore 18:15

Aula 8.0.1 (EX F.0.1) Campus Leonardo

La Terna Sinistrorsa, in collaborazione con Emergency, propone una conferenza volta a informare e sensibilizzare gli studenti sulle problematiche che riguardano l’ingegneria biomedica in scenari di guerra, concentrandosi in particolare sulla realizzazione di protesi e sulle tecniche riabilitative.

Link Facebook: https://www.facebook.com/events/460673354887283/

Link Instagram: https://www.instagram.com/p/B5C5GHAKGhV/

Link Telegram: https://t.me/ternasx/126

Il Contesto

Ancora oggi, il Nord Iraq e l’Afghanistan sono infestati da milioni di mine antiuomo, ricordi tragici di un passato difficile.

L’esplosione di questi ordigni provoca ferite importanti: in molti casi il paziente non è in grado di provvedere a se stesso e alla propria famiglia, con il rischio di essere emarginato all’interno della propria comunità.

Dal 1995, quando Emergency ha iniziato il suo programma di riabilitazione, ha prodotto più di 10’600 protesi e ha implementato più di 55’000 trattamenti di fisioterapia. Tutte le protesi sono progettate e realizzate a mano da personale ospedaliero locale, appositamente istruito, utilizzando componenti in plastica e metallo.

Per ridare autonomia ai pazienti, Emergency ha instaurato corsi di formazione professionale per imparare un lavoro compatibile con l’handicap e ha avviato l’Home modification programme, un intervento di abbattimento delle barriere architettoniche.

L’evento

La conferenza ha lo scopo di informare e sensibilizzare gli studenti su queste problematiche, anche attraverso il confronto e il paragone con la situazione nel mondo occidentale.

Il Professor Carlo Frigo, docente di Bioingegneria al Politecnico di Milano, introdurrà gli argomenti chiave (protesi e riabilitazione) facendo riferimento a contesti industriali e di ricerca più vicini al nostro immaginario.

Il relatore Dr. Francesco Ricci, fisioterapista, osteopata, collaboratore di Emergency, illustrerà la sua esperienza sul campo accumulata durante alcune missioni svolte negli ultimi anni in Afghanistan e nel Kurdistan Iracheno.