Editoriale #51

Simone De Beauvoir, scrittrice e brillante pensatrice, vissuta nel ‘900 nei più stimolanti ambienti francesi.

Rivoluzionaria e femminista, indipendente.

Tra i suoi molti testi filosofici si discosta “Memorie di una ragazza perbene”, un romanzo in cui racconta di sé e della sua evoluzione filosofica. Dalla giovinezza all’età adulta, si distinguono in maniera marcata ma continua i cambiamenti di pensiero e nuove prospettive. 

“Poiché non scorgevo in tutta la terra alcun posto che mi convenisse, decisi allegramente che non mi sarei fermata in nessun posto. Mi votai all’Inquietudine.”

Già prima dei vent’anni Simone fece questo giuramento, prese l’Inquietudine e ne fece un tratto caratteriale. Sola e confusa, non fu facile: si nutrì di conoscenza, che la portò all’angoscia e alla disperazione.

È l’inizio della maturazione del suo pensiero individuale, influenzato dall’ambiente culturale parigino.

“Mi ero voluta senza limiti ed ero informe come l’infinito”

Per un certo periodo sopperì alla crisi con l’impegno collettivo, e allora avvenne la rinascita di una Simone eterna, madre dell’esistenzialismo. 

di Marco Barucco

di Egon Schiele

Juliette Gréco, cantante in voga nel periodo esistenzialista parigino

Juliette Gréco, cantante in voga nella parigi esistenzialista

Questo periodo (apparentemente) post-pandemico è terreno fertile di rinascita e di messa in discussione di ciò che era prima.

In redazione vogliamo essere così, pronte e pronti a mettere e metterci in crisi.

Sulla scena è tornato un tempo, il tempo impiegato dagli studenti pendolari per arrivare in università e dai fuori sede per tornare dalle proprie famiglie. Di questo tempo semi-esistente, di parziale vitalità e obbligato a procedere, forse ce ne eravamo dimenticati.

Un po’ perché per formazione siamo allenati all’ottimizzazione e un po’ perché siamo Inquietə ci siamo chiesti:  i trasporti possono essere gestiti peggio di così?

Una proposta di miglioramento, un appello, delle parole.

E molto altro.

Buona lettura.

La Terna Sinistrorsa